Search

Ucraina-Russia, le news in diretta dalla guerra. Kiev sotto attacco, esplosioni in due distretti. Energoatom: missile “criticamente basso” sulla centrale nucleare

Kiev si sveglia sotto attacco, mentre l’Ucraina respinge la proposta di Putin per sbloccare il grano che si accumula nei porti terminali. Kiev non accetta che i carichi passino dalla Bielorussia né che i cargo partano solo dai porti controllati dai russi. L’Onu cerca di avviare una trattativa per evitare che le conseguenze dello stallo provochino un’emergenza alimentare che colpirebbe soprattutto Paesi poveri. Intanto però a Odessa, il granaio più importante d’Ucraina, i carichi arrivano e non ripartono e oltre i russi dal blocco ci guadagnano anche i colossi americani dell’esportazione. Sul campo, la battaglia continua a Severdonetsk. Kiev smentisce che i miliziani filorussi abbiano conquistato la città e ribadisce di aver riconquistato posizioni, ma le perdite per l’esercito ucraino cominciano a essere un problema. Oggi la Nato terrà un’esercitazione nel mar Baltico con imponente presenza di navi americane. Putin dal canto suo ha detto che l’esercito russo schiaccerà “come noci” le nuove armi inviate dagli usa all’Ucraina.

Guerra Ucraina – Russia, oltre la diretta: cosa c’è da sapere oggi

10.28 Mattarella: guerra scellerata, conseguenze inevitabili per ambiente e crisi umanitarie

“I destini dell’uomo e dell’ambiente non sono mai stati così strettamente connessi. La scellerata guerra che sta insanguinando l’Europa con l’aggressione della Federazione Russa all’Ucraina sta provocando una conseguenza inevitabile sulla capacità di rispettare l’agenda degli impegni per contrastare il cambiamento climatico ed evitare così, le ulteriori crisi umanitarie conseguenti”. Lo dichiara il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in occasione della Giornata mondiale dell’Ambiente che “suona più che mai come severo richiamo all’assunzione condivisa di un impegno comune alla pace e alla cooperazione internazionale”.

09.16 Energoatom: missile “criticamente basso” sulla centrale nucleare

L’operatore nucleare statale ucraino Energoatom ha dichiarato che un missile da crociera russo è volato “criticamente basso” stamattina su una grande centrale nucleare. “È probabile che sia stato il missile sparato in direzione di Kiev”, ha affermato in un post sull’app di messaggistica Telegram l’operatore della centrale di Pivdennoukrainska, chiamata anche Centrale nucleare dell’Ucraina meridionale. Stamattina diverse esplosioni hanno scosso Kiev. Pivdennoukrainska è la seconda centrale nucleare più grande dell’Ucraina situata vicino alla regione di Mykolaiv, circa 350 chilometri a sud di Kiev.

08.19 Kiev, oltre 31 mila soldati russi uccisi dall’inizio della guerra

Sono circa 31.150 i soldati russi uccisi in Ucraina dall’inizio dell’invasione, secondo l’esercito di Kiev. Nel suo aggiornamento sulle perdite subite finora da Mosca, l’esercito ucraino indica che dopo 102 giorni di conflitto si registrano anche 210 caccia, 175 elicotteri e 548 droni abbattuti. Inoltre le forze di Kiev affermano di aver distrutto 1.381 carri armati russi, 686 pezzi di artiglieria, 3.392 veicoli blindati per il trasporto delle truppe, 122 missili da crociera e 13 navi.  Ben 262 bambini sono morti e 467 sono rimasti feriti dall’inizio del conflitto in Ucraina. Lo rende noto la procura generale di Kiev nel suo consueto aggiornamento su telegram.

08.17 Zelensky: “Russi pronti a tutto. non risparmiano neanche le chiese”

Dopo la distruzione del Monastero della Dormizione, andato a fuoco “a causa dei bombardamenti dell’artiglieria russa”, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha pubblicato questa notte un video su Instagram in cui sottolinea come il monastero sia la più grande chiesa ortodossa ucraina, collegata alla Chiesa ortodossa russa. “Anche questo – dice Zelensky – non ferma l’esercito russo. Sono pronti a bruciare tutto: le chiese ortodosse come qualsiasi altra cosa in Ucraina”.

07.53 Missili russi contro Kramatork

Le forze russe hanno lanciato ieri sera un attacco missilistico contro la città di Kramatorsk, nella regione di Donetsk (est): lo ha reso noto su Facebook il sindaco, Oleksandr Honcharenko. Lo riporta Ukrinform. Secondo Honcharenko non ci sono vittime, ma “due aziende sono state gravemente danneggiate”.

06.00 Kiev, il sindaco conferma: “Esplosioni in due distretti”

Il sindaco di Kiev, Vitali Klitschko, ha confermato su Telegram che la capitale è sotto attacco: “Le esplosioni in particolare riguardano i distretti di Darnytsky e Dniprovsky”. I servizi di soccorso sono già stati attivati e sono sul posto, ha aggiunto il sindaco. Non ci sono state vittime, ma un solo ferito.

05.25 Potenti esplosioni nella capitale Kiev

Una potente esplosione è stata udita nella capitale ucraina Kiev. Le agenzie locali di stampa riferiscono di diverse testimonianze convergenti. Una colonna di fumo si è levata da un quartiere della capitale. Dall’alba le sirene d’allarme per attachci stanno risuonando in molte città del Paese, inclusa Kiev.

02.30 Governatore Lugansk: “Russi bombardano i ponti”

I russi stanno bombardando i ponti sul fiume Siverskidonetsk per impedire che arrivino rinforzi e aiuti alle truppe ucraine impegnate nella dofesa di Severodonetsk. Lo ha detto il governatore della provincia di Lugansk, Sergej Haidai, ripetendo che i soldati ucraini hanno riconquistato zone della città.

00.20 Ucraina punta a far ripartire i campionati di calcio in agosto

Il presidente Zelensky ha dato il suo via libera, così la federazione calcio ucraina intente far ripartire i massimi campionati di calcio in agosto a dispetto della guerra e dell’invasione russa. Andriy Pavelko, presidente della federazione ucraina, ha detto di aver parlato, oltre che con il presidente, con i vertici di Fifa e Uefa per trovare un modo di far ripartire il calcio maschile e femminile in sicurezza.