Search

Ucraina – Russia, le news dalla guerra oggi. La Cina: “Nato vera minaccia alla pace”. Gli 007 Usa: “Mosca potrebbe usare armi nucleari”

Addio Gogol: il regista Serebrennikov denuncia “la morte” dello storico e ribelle teatro di Mosca 

ll regista russo Kirill Serebrennikov, contrario all’offensiva in Ucraina, è stato di fatto rimosso dalla direzione del suo ex teatro, lo storico Gogol di Mosca, che aveva trasformato nell’epicentro dell’avanguardia artistica della capitale. Dal 2012 al 2021 Kirill Serebrennikov, ora in esilio all’estero, è stato direttore artistico del Gogol Center, dove ha messo in scena ardite opere teatrali che mescolano critica sociale e religione, sessualità, temi non in sintonia con la linea conservatrice del Cremlino. L’anno scorso ha dovuto lasciare il suo incarico, non essendo stato rinnovato il suo contratto. Mercoledì sera, l’assessorato alla Cultura della città di Mosca ha comunicato che un nuovo direttore artistico, Anton Yakovlev, era stato nominato e che il Gogol center sarebbe tornato al suo vecchio nome: Nikolai Gogol Drama Theatre.

Immediatamente, Kirill Serebrennikov ha denunciato “la morte” di un luogo che aveva completamente trasformato: “Hanno deciso di chiudere il teatro. Per la sua posizione, per la sua onestà. Per aver cercato di essere libero. Per il fatto che, per tutti questi mesi che è durata la guerra, gli attori, che protestano contro la guerra, non salutano più ma termina ogni mostra con l’immagine di una colomba. È un omicidio. Un altro omicidio ordinario”, ha dichiarato, in un messaggio pubblicato sul suo account Telegram.