Search

Pos obbligatorio per commercianti e studi professionali, ecco cosa cambia a fine mese

I punti chiave

3′ di lettura

Il conto alla rovescia è iniziato. Mancano infatti poco più di tre settimane all’entrata in vigore delle nuove regole sui pagamenti elettronici. Entro il 30 giugno, infatti, commercianti e studi professionali dovranno dotarsi del Pos e accettare pagamenti con moneta elettronica (carta di credito e di debito).

La novità in materia fiscale è stata introdotta dal decreto legge 36/2022 (cosiddetto “decreto Pnrr 2”, articolo 18, commi 1, 2 e 3) per dare attuazione ad alcuni obiettivi fissati nel Pnrr, il Piano nazionale di ripresa e resilienza. Il decreto ha anticipato al 30 giugno (anziché 1° gennaio 2023) le sanzioni per gli esercenti e i professionisti che rifiutano i pagamenti con il Pos.

Loading…

Nella circolare n. 8 del 7 giugno 2022 la Fondazione studi consulenti del lavoro ha fornito alcune indicazioni di dettaglio su quello che cambierà su questo fronte, e su un’altra soluzione prevista dallo stesso provvedimento: l’estensione degli obblighi di fatturazione elettronica dal 1° luglio 2022.

A chi si applicano le nuove regole sul Pos

Chi effettua l’attività di vendita di prodotti e di prestazioni di servizi, anche professionali, dovrà dotarsi già dal 30 giugno 2022, e non più dal 1° gennaio 2023, del Pos e accettare pagamenti elettronici.

Scopri di più

Che cosa accade se il commerciante non si adegua

Nei casi di mancata accettazione di un pagamento, di qualsiasi importo effettuato con carte di pagamento, relativamente ad almeno una carta di debito e una carta di credito, da parte di soggetti che effettuano l’attività di vendita di prodotti e di prestazione di servizi, anche professionali, si applica nei confronti di questi soggetti la sanzione amministrativa pecuniaria del pagamento di una somma pari a 30 euro, aumentata del 4% del valore della transazione per la quale sia stata rifiutata l’accettazione del pagamento. In sostanza, osserva la Fondazione, chi non accetterà i pagamenti con carta sarà punito con una sanzione pari a 30 euro, aumentata del 4% del valore della transazione rifiutata.