Search

Chi eredita l’impero di Leonardo Del Vecchio: moglie e figli del patron di Luxottica

La proprietà di uno dei grandi imperi dell’economia e della finanza italiana prende nuova forma con la morte di Leonardo Del Vecchio, fondatore di Luxottica e presidente di EssilorLuxottica. Del Vecchio è stato uno dei maggiori imprenditori italiani, dopo la fusione con la francese Essilor, il gruppo EssilorLuxottica conta oltre 180mila dipendenti e vale circa 30 miliardi di dollari.

Ad Agordo (Belluno), sede del colosso degli occhiali, si preparano le esequie: si svolgeranno giovedì 30 giugno, alle 11:30, al PalaLuxottica, grande struttura polivalente che lo stesso imprenditore ha voluto vicino al cuore produttivo dell’azienda. Dalle 13 di domani, 29 giugno, e fino alle 6 del 30 giugno ci sarà la camera ardente, accessibile al pubblico, sempre al PalaLuxottica. La città veneta proclamerà il lutto cittadino e, considerando che il palazzetto ospita fino a 5mila persone e i soli dipendenti della sede principale sono 4.600, sono previsti anche maxischermi. Durante le esequie la comunità di Luxottica si fermerà: in Italia saranno sospese tutte le attività nella giornata, mentre negli altri paesi sarà osservato un lungo momento di silenzio.

Del Vecchio è azionista tra l’altro di Mediobanca, Generali e Covivio, la sua ricchezza attraverso l’holding di famiglia Delfin è stata valutata dalla rivista Forbes in 25 miliardi.

Il principe dell’imprenditoria italiana, classe 1935, aveva origini umili: ultimo di quattro fratelli, il padre commerciante di frutta di origini pugliesi, muore prima della sua nascita e anche per questo la madre Grazia Rocco sceglie di dargli lo stesso nome. Pochi anni dopo, il giovane Leonardo viene affidato al collegio dei Martinitt (l’orfanotrofio di Milano), dove resta fino al diploma di scuola media.

L’eredità e il patrimonio di Del Vecchio: sarà diviso così

La seconda moglie (poi risposata e attuale coniuge) Nicoletta Zampillo erediterà il 25% della finanziaria Delfin. I sei figli Claudio, Marisa, Paola (avuti dal primo matrimonio con Luciana Nervo), Leonardo Maria (figlio di Nicoletta Zampillo), Luca e Clemente (figli avuti con l’ex compagna Sabina Grossi), nati da tre diverse unioni, si divideranno il resto in parti uguali, il 12,5% ciascuno.

Del Vecchio ha, poi, stabilito che la famiglia resti fuori dalla vita delle aziende, limitandosi al ruolo di azionista.

Cosa succederebbe in caso di alleanza tra la moglie Nicoletta e il figlio Leonardo Maria, tra l’altro il più presente in azienda? Questo possibile ‘blocco’ avrebbe la maggioranza relativa.

I Del Vecchio e le future decisioni importanti in Delfin

Ma l’eventualità sarebbe scongiurata dallo stesso statuto di Delfin: Morgan Stanley ricorda infatti che le norme interne di Delfin prevedono come “qualsiasi deliberazione rilevante o proposta di modifica dello statuto, la nomina del board, la vendita di investimenti debbano essere adottate con il voto dell’88% del capitale votante” e dunque “all’unanimità in considerazione del fatto che le quota individuali detenute da ciascun azionista di minoranza sono del 12,5%”. Una soglia evidentemente non casuale.

Del Vecchio ha così voluto garantire la collegialità delle decisioni pur essendo da sempre contrario al coinvolgimento dei familiari nella guida del suo impero. Del Vecchio spiegava: “A mio parere i figli non devono avere responsabilità apicali in azienda e non devono sedere in cda. La ragione è molto semplice, un manager lo puoi licenziare, anche se costa parecchio, un figlio no”.

La finanziaria Delfin custodisce il 32% di Luxottica, il 26% di Covivio, gli immobili e i vari investimenti fatti negli anni, dall’1,9% di Unicredit risalente agli anni ‘90 allo 0,67% di Webuild, fino al 19,5% di Mediobanca e al 9,9% di Generali che sono recenti.


Nicoletta Zampillo, la moglie che ha ereditato un quarto dell’impero

MILANO – Nicoletta Zampillo è la moglie e la vera compagna di una vita di Leonardo Del Vecchio. L’imprenditore l’ha corteggiata per anni, sposata due volte (nel 1997 e nel 2010) e voluta al suo fianco per sempre. Non a caso dopo il divorzio, e le nuove nozze l’imprenditore ha chiesto al suo avvocato Sergio Erede di cambiare il testamento nel 2010, per far avere alla sua compagna “quello che le spettava” per legge, ma non solo, vale a dire un quarto del suo impero.

Di 23 anni più giovane, Zampillo è la secondogenita di uno dei primo compagni di lavoro di Del Vecchio. Un giovane Leonardo che girava per Milano con la valigia degli occhiali insieme al padre, notò questa ragazzina bellissima, mora con gli occhi scuri, che giovanissima sposò Paolo Basilico, emergente finanziere prima in Mediobanca poi a Warburg, arriivato poi a fondare la boutique della gestione dei patrimoni Kairos. Dopo un figlio e un divorzio, in anni in cui queste cose erano rare, Nicoletta tornò a bazzicare la casa dei genitori, che era tornata ad essere frequentata da Del Vecchio, che nel frattempo si era separato dalla prima moglie.

Nata nel 1958, Nicoletta è una donna di classe, che come le milanesi doc, non ha mai voluto ostentare né la sua bellezza né i suoi mezzi. Madre premurosa ha sempre avuto a cuore gli studi e il lavoro dei suoi figli, Rocco Basilico (1989) e Leonardo Maria (1995), nato dall’unione con il suo grande amore due anni prima del loro matrimonio, e chiamato proprio come lui.  Rocco Basilico e Leonardo Maria sono gli unici eredi diretti e indiretti di Del Vecchio che attualmente lavorano in Essilux.

Zampillo ha passato le vacanze a Forte dei Marmi da sola con i figli lontano dai riflettori – quando nel 2000 si è separata dall’imprenditore, e poi di nuovo tutti insieme a Cap d’Ail in Costa Azzurra nel 2010 al fianco del marito. Le signore milanesi raccontano che sia una grande  collezionista di arte e di porcellane antiche, la compagna di Del Vecchio è famosa anche per essere una donna dai gusti ricercati.

E’ stata Nicoletta Zampillo a presentare al marito Francesco Milleri, ex vicino di casa e grande esperto di software. E anche questo è stato un altro incontro fortunato nella vita dell’imprenditore, che da prima ha assunto Milleri come consulente e consigliere, e poi man mano ha stretto il rapporto con il manager-imprenditore, chiedendogli di diventare il suo vice,  il suo braccio destro e il suo delfino per la guida dell’impero da 30 miliardi che ha lasciato in eredità a moglie e figli.


Claudio Del Vecchio, il primogenito partito per gli Usa

MILANO Claudio Del Vecchio, classe 1956, primogenito di Leonardo Del Vecchio, figlio dell’imprenditore e della prima moglie Luciana Nervi è quello che tra i figli ha sempre cercato di solcare le orme del padre. Per anni è stato uno degli amministratori del consiglio di Luxottica dando il suo contributo in azienda. Giovanissimo si è trasferito negli Stati Uniti, Paese di grandi opportunità, per imparare tutto quello che poteva su negozi e distribuzione, prendendo casa nel New Jersey, a mezz’ora di treno da New York.

E proprio negli Usa gli è capitata l’opportunità di rilevare il marchio Brooks Brothers, quello delle camice dei banchieri di Wall Street. Provando a fare a meno dell’aiuto del padre, Claudio si è buttato a capo fitto nell’operazione superando momenti difficili come il crollo delle Torri gemelle. Alla fine però il cambio di abitudini e l’abbigliamento casual da una parte, e la pandemia dall’altra hanno costretto il marchio ha aderire alla procedura del concordato fallimentare (chapter eleven), scelta dolorosa, ma la più garantista per Brooks Brothers e  soprattutto per tutti i dipendenti.

Claudio è sposato e ha tre figli, Matteo, Angelica e Cristian.

Sua sorella Marisa è nata un anno più tardi, nel 1958, sua sorella Paola è nata nel 1961, è sposata e anche lei ha tre figli. Le figlie del primo matrimonio hanno sempre partecipato da lontano da lontano alla vita dell’impresa di famiglia, presenziando alle assemblee del gruppo in quanto azioniste, ma restando umilmente e con rispetto ai margini della vita dell’azienda.


Leonardo Maria Del Vecchio, l’unico figlio che lavora in Essilux

MILANO – Leonardo Maria Del Vecchio è il primo e unico figlio dell’imprenditore con la moglie Nicoletta Zampillo sposata due volte, una nel 1997 e una nel 2010.

Nato a Milano il 6 maggio 1995 sotto il segno del Toro si è appena sposato con la modella Anna Castellini Baldissera, figlia di un’ottima famiglia della borghesia milanese. Le nozze favolose a Saint-Tropez si sono tenute poche settimane prima della morte del padre.

Dopo la laurea il giovane imprenditore è andato a studiare negli Usa e in Inghiterra, finché è tornato a Milano per lavorare nell’azienda di famiglia. Leonardo Maria è infatti l’unico dei sei figli di Del Vecchio che lavora nel gruppo dal 2017, dove è l’amministratore delegato e il responsabile della catena di negozi Salmoiraghi e Viganò, occupando un ufficio sullo stesso piano del padre, e dell’amministratore delegato del gruppo Francesco Milleri.

Chi conosce Leonardo Maria lo definisce un ragazzo timido e sensibile, che dall’imprenditore ha ereditato la passione per quest’industria, che conosce da tempo. Negli ultimi anni Leonardo Maria ha infatti seguito con passione i nuovi progetti del gruppo, insieme al fratello Rocco Basilico, nato dal matrimonio della madre con Paolo Basilico, che invece è a capo della divisione smart glasses e del marchio Oliver Peoples.


Luca e Clemente Del Vecchio, il 25% in due

Luca e Clemente Del Vecchio sono i più giovani dei sei figli avuti dall’imprenditore fondatore della Luxottica, scomparso da poche ore. Classe rispettivamente 2001 e 2004, Leonardo li ha avuti dalla compagna Sabina Grossi.

Anch’essi sono titolari del 12,5% della finanziaria Delfin, la cassaforte di famiglia che custodisce tanto le partecipazioni industriali (oltre a Essilux c’è ad esempio l’immobiliare di Covivio) che finanziarie.

Sabina Grossi è stata la terza compagna di Del Vecchio, proprio a inizio anni Duemila: era responsabile delle relazioni con gli investitori nel colosso delle montature ed è stata anche membro del consiglio di amministrazione della società.

La relazione tra Sabina Grossi e Del Vecchio non è mai sfociata in nozze. La liaison si colloca tra il primo divorzio dell’imprenditore con Nicoletta Zampillo (nel 2000) e il secondo matrimonio di Del Vecchio con la stessa Zampillo, nel settembre 2010.

Di Luca e Clemente non ci sono grandi tracce nelle cronache, complice anche la loro giovane età.